La domanda è universale e appartiene a ogni filosofia o religione. Come deve vivere l’uomo? Che poi, tradotto in parole semplici, significa: in che modo ognuno di noi deve affrontare le avversità della vita?
E ancora: in che modo può essere più felice? Essendo una domanda che ogni cultura si è posta, anche le più lontane tra loro nello spazio e nel tempo, le risposte sono tante e molto diverse tra loro: da quelle più mistiche a quelle improntate a un assoluto razionalismo, dai testi sacri ispirati dalle religioni monoteiste alle argomentazioni filosofiche, dalle più disparate scuole orientali fino ai più recenti esperimenti scientifici. Le risposte, insomma, vanno a comporre un panorama ricco e variegato, così come ricco e variegato è l’animo degli uomini.
Quello che ci racconta nel suo ultimo libro Massimo Pigliucci, tra le altre cose docente di filosofia presso la City University di New York e divulgatore scientifico di grande successo negli Stati Uniti, è una scelta di vita che prende spunto da un’antica filosofia classica, lo stoicismo, che ha guidato Seneca e il grande imperatore Marco Aurelio. È questo lo spirito di Come essere stoici, un libro che parla a tutti, perché tutti si chiedono quotidianamente come poter vivere più felici, come affrontare i problemi e la rabbia, l’ansia che ogni giorno ci rincorre.
Essere stoico non significa sopprimere le proprie emozioni, sebbene Pigliucci ami molto il personaggio di Spoke – per il quale sembra che Gene Roddenberry, creatore di Star Trek, abbia preso spunto dalla sua “debole” conoscenza dello stoicismo. Lo scopo dello stoicismo è invece riconoscere l’esistenza delle cose e riflettere su cosa le ha provocate, capire quali eventi della vita possono dipendere dalle nostre scelte e quali invece non sono in nostro potere, per convogliare i nostri sforzi solo sugli eventi che possiamo cambiare. Ma essere stoici significa anche cercare di migliorarsi ogni giorno, essere virtuosi e cercare di esprimere se stessi nel migliore dei modi.
Ecco allora i dodici principi dello stoico: evitare reazioni affrettate; ricordarsi della transitorietà delle cose; scegliere obiettivi in nostro potere; essere virtuosi; prendersi un momento e respirare profondamente; mettere i problemi in prospettiva; parlare poco e bene; scegliere in modo accorto le proprie compagnie; rispondere agli insulti con l’umorismo; non parlare troppo di sé; parlare senza giudicare; riflettere sulla giornata appena trascorsa. E allora, si chiede Pigliucci, perché andare a scomodare filosofie orientali così lontane quando basta guardare al nostro passato?

Dettagli

Didascalie immagini

  1. Massimo Pigliucci
  2. La copertina del libro

IN COPERTINA
Manuel Domínguez Sánchez, La morte di Seneca, 1871, Museo Nacional del Prado, Madrid 
[particolare]

Scheda

  • Titolo: Come essere stoici. Riscoprire la spiritualità dei classici per vivere una vita moderna
  • Autore: Massimo Pigliucci
  • Editore: Garzanti
  • Titolo originale: How to be a Stoic
  • Traduttore: Paolo Lucca
  • Collana: Saggi
  • Anno edizione: 2017
  • Pagine: 320