– di Daniela Brunetti;

A Roma, dal 19 al 22 dicembre, torna RGB Light Experience, il festival di light art, urban light e video-mapping prodotto da Luci Ombre e diretto da Diego Labonia che, dal 2015, porta nella capitale le opere di luce firmate da artisti internazionali del settore.
Per questa quinta edizione sono diciotto le opere di luce site specific che formano la mostra itinerante che prova a ridisegnare le superfici architettoniche urbane, creando nuovi immaginari che mettano al centro un diverso rapporto fra Uomo e Natura, trasformando la città in un vero museo a cielo aperto.

Naturare è il leitmotiv – o, meglio, “lightmotiv”! – e titolo 2020, un invito a ribaltare la concezione antropocentrica della Natura e a considerare l’Umanità come parte, fra le tante, di un sistema vivo e interconnesso, i cui equilibri sono oggi gravemente compromessi proprio a causa dell’azione umana. Un concetto evocato fin dal visual, realizzato dall’artista Mariano Peccinetti, in cui l’elemento umano ha nei confronti dell’elemento naturale un atteggiamento contemplativo.

Cambiando le modalità di fruizione, nel rispetto delle attuali normative di contrasto alla diffusione del Covid-19, due camion attrezzati porteranno ogni giorno in un sito diverso, dei quattro selezionati, tutte le opere in programma. Dalle 18:30 – fino all’ora del blocco previsto dalla normativa vigente – saranno fruibili dai pedoni, da chi passa in auto o sui mezzi pubblici, dalle finestre degli appartamenti, ma anche in diretta streaming sui canali social di RGB.

I LUOGHI

  • Parco Giordano Sangalli | 19 dicembre
    viale dell’Acquedotto Alessandrino

    Il Parco Giordano Sangalli si trova in Viale dell’Acquedotto Alessandrino ed è uno dei tre parchi pubblici del quartiere di Tor Pignattara. L’area dell’Acquedotto fu interessata nel corso del ‘900 da fenomeni massicci di speculazione edilizia e di edilizia spontanea. Immigrati dal sud Italia ma anche sfollati del centro durante il periodo fascista costruirono le loro case addossandole proprio all’Acquedotto. Una volta abbattute, hanno lasciato spazio all’attuale parco Sangalli.
  • Parcheggio Pavoni-Pigneto | 20 dicembre
    Tra via del Pigneto e via Luigi Pavoni

    L’area parcheggio Pavoni/Pigneto rappresenta quello che può accadere quando si costruisce senza nessuna progettazione urbanistica, ma lasciando semplicemente spazio al mero accostamento casuale di palazzi alti quattro volte le costruzioni già esistenti. La casualità ha dunque creato una bruttura: cinque muri ciechi fanno da scenario in questo incastro di colate di cemento, creando una “naturale” zona parcheggio.
  • Sopraelevata Tangenziale Est | 21 dicembre
    via Prenestina, altezza civico 52

    È il tratto sopraelevato sulla via Prenestina della Tangenziale Est, una strada ad alto scorrimento progettata dall’architetto Kenzo Tange negli anni ‘60 ma già prevista dal piano regolatore del 1909, nata per unire la parte settentrionale a quella meridionale della città. La sopraelevata della tangenziale Est è stata una scelta azzardata, un’idea d’inizio Novecento che aveva tutte le possibilità di svilupparsi nel migliore dei modi ma che è finita per insinuarsi tra gli immobili costruiti dopo la speculazione edilizia del dopoguerra, creando così scenari urbani che sono sempre stati associati al degrado.
  • Torri Ligini – Eur | 22 dicembre
    viale America, altezza civico 266

    Nate nel 1961 negli ampi spazi dell’Eur e mantenendo le linee dettate dall’architettura razionalista, dopo esser state la sede di alcuni uffici del Ministero delle Finanze, le Torri Ligini non hanno avuto vita facile: per decenni il simbolo del degrado, dell’incuria e del cattivo utilizzo del bene pubblico sono cadute in disuso fino ai giorni nostri. Molti progetti di recupero si sono susseguiti dagli anni ‘90 in poi ma nessuno è stato realizzato.

Infine, dal 20 al 30 dicembre, sarà in programma “La necessità di modificare l’esistente“, un ciclo di incontri che prevede anche laboratori per i più piccoli e workshop intensivi rivolti a chi vuole approfondire la conoscenza della light art e dell’arte digitale. Ogni ulteriore informazione al sito ufficiale

Didascalie immagini

  1. Locandina dell’edizione 2020
  2. Simona Verrusio – curva di Lassius – studio per Ellissi 2.0
  3. Render- Luca Mauceri + Mediamash Studio

IN COPERTINA
Particolare della locandina 2020

Dove e quando

Evento: Roma: Parco Giordano Sangalli – Parcheggio Pavoni/Pigneto – Sopraelevata Tangenziale Est- Torri Ligini Eur
  • Date : 19 December, 202022 December, 2020