Con un viaggio dal Medio Evo al Contemporaneo, riprendono oggi le visite online per esplorare i tesori dei Musei Civici del capoluogo toscano.
Dai disegni di Henry Moore alla vita dei grandi antiquari e collezionisti: Stefano Bardini, Salvatore Romano e Charles Loeser. Dalla storia dell’ex carcere delle Murate al contemporaneo del Murate Art District. In parallelo all’apertura fisica dei musei, che consente di apprezzare dal vero le meraviglie del patrimonio civico fiorentino, tornano da oggi le Mezz’ore d’arte digitali fruibili gratuitamente (su piattaforma Zoom).

Un lodevole affiancamento alle visite in presenza ai musei, per offrire sempre nuove esperienze sulle opere e sulla storia degli scrigni che le conservano. Inoltre, in ottica di una fruizione sempre più accessibile e inclusiva, tutti gli appuntamenti prevedono l’integrazione di sottotitoli in tempo reale come spiega Valentina Zucchi, responsabile mediazione culturale MUS.E: “La doppia vita che caratterizza ormai ciascuno di noi – individuo o istituzione – ci porta a rinnovare ancora una volta il nostro impegno nel mondo digitale, il largo apprezzamento della nostra proposta culturale da una parte e il clima di incertezze e restrizioni dall’altra ci confermano quanto sia importante proseguire con una ricca programmazione anche in ambito virtuale, che consente di ampliare i confini della fruizione del patrimonio civico e di abbattere ogni possibile barriera all’accesso fisico nei musei”.

La nuova serie inizia oggi con l’appuntamento correlato alla mostra temporanea su Henry Moore. Il disegno dello scultore in corso presso il Museo Novecento.
Nelle settimane seguenti uno sguardo ai grandi antiquari e collezionisti. Gli incontri del 9 e del 16 febbraio consentiranno quindi di conoscere meglio la figura di Stefano Bardini e la natura della sua collezione, mentre i successivi saranno dedicati ai capolavori custoditi presso la Fondazione Salvatore Romano (23 febbraio) e presso la Donazione Loeser in Palazzo Vecchio (1° marzo).
In seguito sono in programma due incontri fra passato e presente, tesi a tracciare la storia del complesso delle Murate dal Quattrocento fino a oggi, Murate Art District: il primo appuntamento sarà centrato sulla storia del complesso nel corso dei secoli, mentre il secondo permetterà di delineare i tratti che lo rendono oggi un vivacissimo centro artistico e culturale.

Gli appuntamenti, con inizio alle ore 18:00, saranno condotti da Giaele Monaci, Elisabetta Stumpo e Valentina Zucchi, con la collaborazione di Benedetta Pilla.
Calendario degli appuntamenti digitali curato dai Musei Civici Fiorentini e da MUS.E

  • oggi, 2 febbraio ore 18:00 Henry Moore. Il disegno dello scultore
  • 9 febbraio ore 18:00 Stefano Bardini, il principe degli antiquari
  • 16 febbraio ore 18:00 Le grandi opere del Museo Stefano Bardini
  • 23 febbraio ore 18:00 Memorie di pietra presso la Fondazione Salvatore Romano
  • 2 marzo ore 18:00 I capolavori della Donazione Charles Loeser
  • 9 marzo ore 18:00 La storia del complesso delle Murate
  • 16 marzo oer 18:00 Murate Art District, arte contemporanea in città

Didascalie immagini

  1. veduta interna Museo Stefano Bardini
    courtesy MUS.E
  2. veduta esterna Museo del Novecento
    courtesy MUS.E
  3. veduta esterna Murate Art District
    courtesy MUS.E

In copertina
Henry Moore al lavoro
immagine guida della mostra in corso al
Museo del Novecento di Firenze

Mezz’ora d’arte

  • Prenotazioni
    via mail a info@muse.comune.fi.it
    indicando nome, cognome, giorno scelto.
    Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17
    attendere conferma via mail dell’avvenuta prenotazione.
    La partecipazione è gratuita, fino a esaurimento dei posti disponibili. La prenotazione è obbligatoria. Sarà possibile prenotare solo un incontro per volta.
    Gli organizzatori raccomandano di prenotare solo in caso di effettiva e certa partecipazione alla visita. Qualora sorgessero impedimenti non previsti è necessario disdire entro le 14.00 del giorno stesso della visita, al fine di liberare eventuali disponibilità.
     
  • Come partecipare
    I prenotati, dopo una prima mail di conferma, ne riceveranno una seconda  entro le 17 del giorno della visita virtuale con le credenziali per poter accedere a Zoom (da computer, tablet o smartphone).
    Si può partecipare alle visite scaricando la APP Zoom sul proprio dispositivo e registrandosi gratuitamente. Una volta installata, basterà cliccare sul link ricevuto per partecipare alla visita. In alternativa sarà possibile accedere nella sezione “join a meeting” direttamente dal sito Zoom, inserendo il meeting ID e la password ricevuti. (per informazioni e prenotazioni MUS.E)

Dove e quando

  • Date : 02 February, 202116 March, 2021