Prosegue fino al 24 settembre, al Museo Archeologico Regionale di Aosta, la mostra Giovanni Segantini e i pittori della montagna curata da Filippo Timo e Daniela Magnetti proponendo un percorso su Giovanni Segantini, tra i massimi esponenti del divisionismo italiano, che ha eletto la montagna a proprio soggetto principe, interpretandola in modo personale e innovativo, sia in termini di stile sia di poetica.
Segantini-pastore-addormentato
Le opere esposte suggeriscono uno dei molti possibili percorsi attraverso la pittura di montagna a cavallo tra il XIX e il XX secolo, limitando la propria attenzione ai soli artisti italiani e concentrandosi geograficamente sui lavori dell’arco alpino.
Cressini-veduta-alpestre
Così, accanto a quelle di Segantini, scelte attingendo agli anni giovanili trascorsi in Brianza, compaiono più di cinquanta artisti fra cui Vittore Grubicy, Emilio Longoni, Baldassarre Longoni, Carlo Fornara, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Lorenzo Delleani, Cesare Maggi, Leonardo Roda, Italo Mus, sino a Fortunato Depero.
Fornara-chiara-pace
Infattim accanto alle opere di questi maestri, trovano posto i dipinti di almeno tre generazioni di altri artisti che, pur non avendo incontrato tutti la grande notorietà, hanno saputo instaurare un dialogo con i capofila, divenendo anch’essi partecipi di una pagina importante della storia dell’arte italiana.
Roda-il-cervino-parete-nord
Oltre a quella dedicata a Segantini che vede esposto lo splendido olio su tela La raccolta dei bozzoli (1882-1883), la mostra è suddivisa in sette sezioni: le vedute estive, le scene di vita campestre e contadina, i paesaggi antropizzati, i ricordi alpini, i laghi, i tramonti e i notturni, le vedute dei grandi paesaggi innevati. 
Sella-gruppo-monte-rosa-dal-pic-tyndal.
Inoltre vi è una sezione dedicata a Italo Mus, il pittore valdostano più noto e ammirato del XX secolo, di cui ricorre nel 2017 il cinquantesimo anniversario della scomparsa.
Segantini-ritorno-dal-pascolo
Accompagna l’evento espositivo un catalogo edito per l’occasione da Skira con testi di Annie-Paule Quinsac, Filippo Timo, Daria Jorioz, Daniela Magnetti, Marco Albino Ferrari, Maurizio Scudiero, Luca Minella, Beatrice Buscaroli. 

Dettagli

Orario mostra: 9-19, tutti i giorni

Per informazioni:
Regione autonoma Valle d’Aosta
Assessorato Istruzione e Cultura Attività espositive:
u-mostre@regione.vda.it
Museo Archeologico Regionale: u-mostre@regione.vda.it

Giovanni Segantini: Il pastore addormentato, 1882, Olio su tela. Collezione privata Giovanni Segantini: Il pastore addormentato, 1882, Olio su tela. Collezione privata Carlo Cressini: Veduta alpestre, Olio su tavola. Collezione privata Carlo Fornara: Chiara pace, 1903, Olio su tela. Domodossola, collezione Poscio Leonardo Roda: Il Cervino, parete Nord, Olio su tavola. Torino, courtesy Galleria Aversa Vittorio Sella: Gruppo Monte Rosa dal Pic Tyndall, Olio su tela. Biella, Fondazione Sella onlus Giovanni Segantini: Il ritorno dal pascolo, Olio su tela. Collezione privata

Dove e quando

Evento:

Indirizzo:
[Guarda su Google Maps]

Fino al: 20170724