Sabato scorso si è aperta al pubblico “ll sogno di Lady Florence Phillips. La Collezione della Johannesburg Art Gallery” mostra di Opera-Civita, promossa dal Comune di Siena e curata da Simona Bartolena, che presenta una selezione di capolavori della galleria sudafricana.
Il maggiore museo del continente, la Johannesburg Art Gallery fu inaugurato nel 1910 e, fin dalla sua apertura, presentava opere di straordinaria qualità, un nucleo ampliatosi con nuove acquisizioni, lasciti e donazioni.

La collezione iniziale venne formata dalla passione di Dorothea Sarah Florence Alexandra Ortlepp (nata a Città del Capo il 14 giugno 1863), unica figlia di un geometra naturalista poi divenuta Lady Florence Phillips sposando Sir Lionel Phillips, primo baronetto, magnate dell’industria mineraria.
Dopo il matrimonio la coppia si trasferisce a Johannesburg e Lady Florence ricopre un ruolo primario come mecenate d’arte sudafricana e promotrice della cultura indigena.

Con i ricavati degli investimenti del marito, e altri mecenati, finanzia acquisti di opere per aprire una galleria e dotare la città di un museo d’arte considerando impossibile vivere senza.
Lady Florence preferiva di gran lunga un quadro a un gioiello – arrivando anche a vendere il suo diamante azzurro regalatole dal marito – spinta dal desiderio di trasformare, su modello europeo, la città mineraria. Nei suoi progetti, una galleria d’arte pubblica, sarebbe stata opportunità di evoluzione culturale per tutti, oltre ad aumentare il prestigio per l’alta società locale.

Per la scelta delle acquisizioni, Lady Florence fu consigliata da Sir Hugh Percy Lane, esperto d’arte, mercante anglo-irlandese, già curatore per la Municipal Gallery of Modern Art di Dublino, fra i primissimi collezionisti dell’Impressionismo francese.

A Siena sono arrivate una sessantina di opere tra oli, acquerelli e grafici per ripercorrere oltre un secolo di storia dell’arte internazionale: dalla metà del Diciannovesimo secolo fino al secondo Novecento e attraverso i suoi maggiori interpreti: Van Gogh, Degas, Monet, Cézanne, Matisse, Modigliani, Turner, Rodin, Moore, Lichtenstein, Derain, Pissarro, Corot, Sargent, Sisley, Bacon, Rossetti, Warhol, Signac, Picasso.

Aperta fino al 13 settembre, la mostra è accompagnata dal catalogo Skirà e si preannuncia come uno degli eventi più significativi della stagione estiva.

Didascalie immagini

  1. Dante Gabriel Rossetti, Regina Cordium, 1860
    © Johannesburg Art Gallery
  2. Claude Monet, La Primavera, 1875
    © Johannesburg Art Gallery
  3. Paul Cézanne, I bagnanti, 1898
    © Johannesburg Art Gallery
  4. Pablo Picasso, Donna con collana, 1947
    © Johannesburg Art Gallery
  5. Andy Warhol, Joseph Beuys
    © Johannesburg Art Gallery

In copertina un particolare di
Claude Monet, La Primavera, 1875
© Johannesburg Art Gallery

 

Le informazioni, le prevendite e le prenotazioni
al numero +39 0577 286300
o scrivendo una mail a sienasms@operalaboratori.com

Dove e quando

Evento: Santa Maria della Scala – piazza del Duomo, 1 – Siena
  • Fino al: – 13 September, 2020