Qual è il primo nome di pittore che vi viene in mente se pensate all’epoca della Rivoluzione Francese? Jacques-Louis David, ovviamente, maestro indiscusso del Neoclassicismo presente non solo in ogni libro di storia dell’arte, ma anche di storia tout court, per aver documentato come meglio non poteva un’intera epoca. Ma questo articolo non è dedicato a lui, o almeno non completamente: celebre come fu, ebbe infatti un fiorente atelier al Louvre (aperto nel 1780, dopo il ritorno da Roma), frequentato da qualcosa come quattrocento studenti. Tra questi, molte furono le donne, e sono proprio loro che ci interessano questa volta, soprattutto perché protagoniste di un interessante libro di Daniela Boni e Monica Manfrini, Pittrici della Rivoluzione. Le allieve di Jacques-Louis David (Pendragon): tra le prime ci furono le sorelle Delaville-Lerouls, mademoiselle Huin, mademoiselle Duchosal e madame Lavoisier, che presero tutte lezioni al Louvre – pagando 12 lire al mese – almeno fino a quando un decreto del Ministro delle Arti non proibì (per ragioni di “decenza”) la presenza di donne nella aule destinate agli uomini. La questione della convivenza tra uomini e donne in atelier fu in effetti particolarmente spinosa, soprattutto per quello che riguarda il disegno dal vero: per ovvi motivi alle donne non era infatti permesso disegnare un nudo dal vivo, e David provvedeva quindi a fornire loro i suoi disegni, calchi in gesso o incisioni di antichità greche e romane. Tuttavia, nonostante le difficoltà, queste giovani pittrici riuscirono ad ottenere anche commissioni ufficiali di un certo prestigio, trovarono nella borghesia più o meno abbiente molti acquirenti per le loro opere (particolarmente apprezzate erano le miniature), realizzarono incisioni e illustrazioni per libri di storia, di poesia e di divulgazione scientifica.
Sono molte, alcune ancora quasi del tutto sconosciute, ma il merito di questo libro sta di certo anche nel fatto di aver gettato luce sull’altra metà del cielo dell’arte francese del XVIII e XIX secolo.

Daniela Boni, Monica Manfrini
Pittrici della Rivoluzione. Le allieve di Jacques-Louis David
pp. 295

Dove e quando