Bramavo questo libro da molto tempo: la storia romana l’ho sempre studiata sui libri (o sul posto: vivendo a Roma è facile inciampare nelle vicende di Cesare e Caracalla, Augusto e Nerone) ma vedersela squadernata così, davanti agli occhi, avrebbe certamente reso le cose più facili. Infografica della Roma antica, di John Scheid Nicolas Guillerat, appena pubblicato da L’ippocampo, racconta per immagini cosa fu l’Urbe, dalla nascita all’età imperiale.
Non ci si lasci tuttavia ingannare dall’aspetto giocoso e colorato: questo è pur sempre un rigoroso libro di storia che, come sempre quando di parla di vicende antiche, si ritrova a confrontarsi con fonti che (quando esistono) sono sempre attendibili o verificabili: “chi sono i re romani? Conosciamo davvero i loro nomi o sono il frutto di leggende successive? Servio era uno schiavo, e perciò ha preso questo nome, o il nome ha fatto da base per costruire il suo mito?” si chiedono nell’introduzione gli autori, che hanno deciso di dividere il libro in tre macro-sezioni, la prima dedicata a “territori e popolazioni dell’Impero”, la seconda alle istituzioni e al culto, mentre la terza inquadra la potenza militare romana. Manca, ed è una scelta precisa – perché impossibile da far rientrare nello schema scelto dagli autori – il vasto, vastissimo tema della cultura, che pure di tanto in tanto fa capolino tra le pagine perché proprio impossibile da evitare.

Merito indiscusso dell’infografica è quello di rendere effettivamente visibili e facili da ricordare dati semplicemente numerici, come il fatto che la superficie della città dentro le mura fosse occupata da monumenti per poco meno del 17% del totale (più o meno lo stesso spazio occupato dall’invidiabile rete stradale cittadina), o che una legione all’epoca di Nerone contava, oltre ai militari, anche 4623 carri e 69 macchine da assedio, e che 21 imperatori sono state vittime di un complotto (oltre a un paio che vengono costretti al suicidio, e ben sei per i quali non si è mai riusciti a stabilire la causa della morte). Sfogliare questo libro vuol dire meravigliarsi ad ogni pagina, e soprattutto aiuta nella conoscenza di un mondo che è in fondo sempre vivo, ma del quale si conosce in realtà sorprendentemente poco: chi sa, per esempio, quale preziosissima reliquia custodivano i sacerdoti Salii?

Dettagli

Infografica della Roma antica
John Scheid Nicolas Guillerat
Traduzione Giovanni Zucca
pp. 128
L’ippocampo

Sito web: https://www.ippocampoedizioni.it/libro/9788867225729

Dove e quando

Evento:

Indirizzo:
[Guarda su Google Maps]