Si possono spendere fiumi di parole per tessere le lodi di un artista, di uno scultore, di un fotografo o di chissà chi; si possono utilizzare metafore, allitterazioni, enumerazioni, iperboli, preterizioni, sciorinare insomma tutto il catalogo dello scibile delle figure retoriche letterarie esistenti…però alla fine vale Cover hcb germania 1945-copiasempre il vecchio detto: un’immagine vale più di mille parole. E vale forse anche il doppio, se per raccontare chi nel corso di tutta la sua vita si è espresso (soprattutto) per immagini, si utilizzano immagini, appunto. Lo fa da sempre Contrasto, che pubblica per la prima volta non un libro fotografico ma un graphic novel, dedicato però ad uno dei re della storia della fotografia, HCB. Cartier-Bresson, Germania 1945, di Jean-David Morvan e Sylvain Savoia narra la storia del giovane Henry che all’inizio della seconda guerra mondiale si arruola nell’esercito ed entra a far parte dell’unità “film e fotografia” ritrovandosi però presto prigioniero – senza macchina fotografica, che era riuscito a seppellire qualche tempo prima – nei Vosgi. Due volte tenta di fuggire, la terza finalmente ci riesce: dissotterrata la Leica, riprende a fotografare: in particolare, l’adesione al MNGPD (movimento nazionale dei prigionieri di guerra e deportati) e al COMAC, il Comité d’Action Militaire, gli permette di immortalare la resistenza e la liberazione, e di recarsi successivamente in Germania, dove (a Dessau) realizza una delle sue foto più famose, quella di una donna che ne colpisce un’altra, dopo averla riconosciuta come informatrice dei nazisti. Nel graphic novel c’è tutto questo, e c’è anche di più (conclude infatti il volume un breve dossier di Thomas Tode, regista di documentari, e un portfolio delle immagini più celebri di HCB)…ed è tutto raccontato molto meglio che in questo articolo. Dopotutto si è detto: un’immagine vale a volte più di mille parole (che non sono nemmeno trecento, in caso di questo breve pezzo…).

Dettagli

Cartier-Bresson, Germania 1945


Fotografie Henri Cartier-Bresson
Sceneggiatura Jean-David Morvan & Séverine Tréfouël
Disegni Sylvain Savoia
Dossier Thomas Tode

Contrasto

pp. 144