Quinta premiere di questa stagione e debutto assoluto a Francoforte per il Serse di Händel. Singolare la fortuna di questa opera, una delle ultime di Händel. Andò in scena per la prima volta a Londra nel 1738, le rappresentazioni furono sospese dopo la quinta recita e l’opera scomparve dalle scene per quasi 200 anni. Serse riemerse poi nel 1924 nella versione di Oskar Hagen e al presente è una delle più rappresentate del Caro Sassone assieme a Giulio Cesare e Alcina. Serse spicca fra le opere serie di Händel per la presenza di elementi comici e per la quasi totale assenza di arie col dal capo, sostituite da arie brevi di un solo movimento che, cucite da rapidi recitativi, danno allo svolgimento un ritmo incalzante.
Oper-frankfurt-serse 1
È un’opera sui moti del cuore, difficili da governare, e sulle passioni che essi scatenano. Serse, giovane re di Persia, prepara l’invasione della Grecia e progetta la costruzione di un gigantesco ponte di barche attraverso i Dardanelli. Ma il monarca trabocca anche di ardori molto meno marziali. Il re è invaghito di Romilda, la figlia del suo generale Ariodate, e per questa abbandona la principessa Amastre sua promessa sposa. Romilda invece ama (riamata) Arsamene, fratello del sovrano. Nel frattempo Atalanta, sorella di Romilda, briga in sottofondo per assicurarsi Arsamene. Serse è un despota anche in privato, crede che perfino nella sfera degli affetti tutto gli sia concesso e possibile. Un giovanotto viziato che per gioco vuole la fidanzata del fratello e poi alla fine se ne innamora davvero.
Oper-frankfurt-serse 2
Tanti e tali sono i trasporti di Serse che l’opera si apre con l’arioso “Ombra mai fu”, divenuto uno standard operistico per la sua struggente melodia, in cui il re canta la propria devozione a un platano e alla sua ombra. Dagli slanci di Serse e dagli intrighi dei comprimari si diparte un tourbillon di smanie e travestimenti, incomprensioni e gelosie, finché il monarca non accetta che neanche il suo immenso potere può dominare i sentimenti e si ricompone l’equilibrio fra le coppie di amanti.
Per l’occasione tornano a Francoforte Tilmann Köhler e Gaëlle Arquez, già regista e protagonista del Radamisto ammirato lo scorso anno al Depot e del Teseo della stagione 2012/13.
Oper-frankfurt-serse 3
Elegante lo spettacolo preparato da Köhler. Un’ampia scena fissa circonda l’orchestra e si spinge fino alla platea. Un gran sipario tutto azzurro racchiude la scena. Il platano di Serse incombe inscatolato a mezza altezza. Al centro del palcoscenico un lungo banchetto imbandito. Ambiente high society, pietanze ricercate, champagne e candelabri d’argento. Attorno, e spesso sopra, a questa mensa imbandita va avanti lo spettacolo. I protagonisti entrano ed escono dalla scena e una serie di tableau sfilano uno dopo l’altro. A volte sembra di passare in successione attraverso le sale di un museo. Una messinscena comunque solida, ravvivata anche dai video proiettati sul gran sipario azzurro e impreziosita dall’eccellente recitazione dei protagonisti.
Oper-frankfurt-serse 4
Raffinati i costumi di Susanne Uhl. In quel gran ribollire di passioni da jet-set decadente ci si potrebbe aspettare qualcuno dei soliti exploit trasgressivi ormai banalizzati. Per fortuna ci è risparmiato e lo spettacolo si mantiene sui binari dell’eleganza. Il massimo della licenza concessa è Romilda sul tavolo tutta coperta di frutta o un piatto di pasta rovesciata con stizza sul pavimento. Nella seconda parte dello spettacolo scompare il banchetto, rimane in scena qualche poltroncina e prevale un clima da after-party. Happy end finale, come previsto, ma Serse rimane solo sul palcoscenico, con il sipario che lo separa dagli altri protagonisti.
Oper-frankfurt-serse 5
Constantinos Carydis tiene insieme con mano sicura musicisti e cantanti. La Frankfurter Opern und Museumsorchester suona a ranghi ridotti, ma è supportata da un nutrito gruppo di specialisti del continuo. Gaëlle Arquez, sostenuta da solidi mezzi vocali, naviga sicura nella parte en travesti del protagonista. Ispirata la sua interpretazione di “Ombra mai fu” cantata in apertura avvolta dal sipario su cui si proiettano le foglie verdi dell’albero. Intensa anche l’ultima aria di furore “Crude furie degli orridi abissi”, altro standard händeliano. L’altro ospite di questa produzione, il controtenore Lawrence Zazzo, dà corpo e voce ad Arsamene, fratello vessato dal despota persiano. Belli i colori scuri della sua voce, non comuni fra i controtenori.
Oper-frankfurt-serse 6
L’ensemble della Oper Frankfurt completa il cast della serata, destreggiandosi bene fra le acrobazie vocali della partitura händeliana. Brave le due soprano, sorelle rivali per l’amore di Arsamene. Louise Adler è un’Atalanta fresca e brillante, con acuti precisi e colorature vertiginose. Fanciullesca la Romilda di Elizabeth Sutphen. Tanja Ariane Baumgartner restituisce gli accenti accorati di Amastre, principessa messa da parte dal capriccioso Serse. La sua ultima aria “Cagion son io del mio dolore”, accompagnata dal liuto, è fra i momenti alti della serata. Bene anche i due ruoli maschili, portati in scena dal baritono Brandon Cedel (Ariodate) e dal basso Thomas Faulkner (Elviro).
Applausi festosi per tutti i protagonisti della serata.

Dettagli

SCHEDA

Serse
Georg Friedrich Händel 1685-1759

Opera in tre atti
Libretto di Silvio Stampiglia
Prima rappresentazione  15 Aprile 1738, King`s Theatre Haymarket, London

In italiano con sottotitoli in tedesco

Direttore Constantinos Carydis
Regia: Tilmann Köhler
Scene: Karoly Risz
Costumi: Susanne Uhl
Luci: Joachim Klein
Video: Marlene Blumert
Drammaturgia: Zsolt Horpácsy

Serse: Gaëlle Arquez
Arsamene: Lawrence Zazzo
Romilda: Elizabeth Sutphen *
Atalanta: Louise Alder
Amastre: Tanja Ariane Baumgartner
Ariodate: Brandon Cedel
Elviro Thomas: Faulkner

Frankfurter Opern und Museumsorchester

Gaëlle Arquez (Serse) in abito nero e Elizabeth Sutphen (Romilda) da sinistra a destra Gaëlle Arquez (Serse) e Louise Alder (Atalanta); Constantinos Carydis (direttore) a destra ed elementi della Frankfurter Opern- und Museumsorchesters Lawrence Zazzo (Arsamene) e Thomas Faulkner (Elviro) sullo sfondo Elizabeth Sutphen (Romilda) ed elementi della Frankfurter Opern- und Museumsorchesters Gaëlle Arquez (Serse) in abito nero e Elizabeth Sutphen (Romilda) Louise Alder (Atalanta) Gaëlle Arquez (Serse)

Dove e quando

Evento:

Indirizzo:
[Guarda su Google Maps]

Fino al: 28 Gennaio, 2017