Al Teatro Rossini di Pesaro prosegue l’appuntamento con la danza della stagione 2019/20 giunto alla sesta edizione. Dopo quello inaugurale – con il Balletto di Roma e Fabrizio Monteverde in Io, Don Chisciotte, rilettura in chiave coreografica del capolavoro del “Siglo de oro” – per il secondo appuntamento, dei sei in cartellone, l’otto novembre è in programma una serata “perfetta” per ammirare la versatilità degli straordinari danzatori di Aterballetto. Si esibiranno nei lavori di Hofesh Shechter e Ohad Naharin, due dei coreografi più intensi, viscerali e acclamati del panorama internazionale.
Hofesh Shechter è solito comporre la musica per i sui brani che s’intona strettamente all’energia del suo movimento. Il risultato è un punch, come afferma lui stesso, un pugno con il quale lo spettatore viene investito da un’onda di energia. In Wolf, ripensato appositamente per Aterballetto, vi si trova una sorta di selvaggia animalità che attraversa, a tratti, sia gli uomini che le donne con il risultato di trascinare in un universo misterioso e coinvolgente.

Ohad Naharin è coreografo – direttore artistico della Batsheva Dance Company – ha sviluppato un personalissimo linguaggio del movimento, dal nome “Gaga”, e vanta un collage musicale che si estende dagli insoliti stili elettronici, alle melodie indiane, fino alle armonie risonanti dei Beach Boys. Questo mix eclettico funge da sfondo alla coreografia audacemente stravagante che oscilla fra delicatezza ed esagerazione.
Ricordiamo, infine, che è prevista una  masterclass gratuita per gli allievi delle scuole di danza della città di Pesaro, un’occasione preziosa di formazione con maestri di talento.