A oltre cinque anni dalla sua presentazione alla 73ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica La Biennale di Venezia, quando cioè ormai veniva dato per disperso e una sua distribuzione pareva una possibilità davvero remota, Voyage of time: il cammino della vita di Terrence Malick sarà finalmente disponibile nelle sale per il pubblico italiano, grazie a Double Line in collaborazione con Lo Scrittoio, dal prossimo 3 marzo.

Anni di studio in ambiti come astronomia e biologia, fisica e filosofia, ma anche antropologia, portati avanti in prima persona dal cineasta Palma d’Oro per The tree of life sono confluiti in Voyage of time, ad alimentare un flusso visivo che è meditazione esistenziale e preghiera laica insieme, con la voce narrante di Cate Blanchett che si rivolge alla grande Madre Terra, in un’inedita forma ibrida a metà strada tra documentario e ricostruzione con largo uso di sofisticati effetti speciali digitali.

L’alta qualità raggiunta dalla tecnologia rende difficile distinguere in modo inconfutabile filmati dal vivo della Natura da ricostruzioni virtuali e pur non rappresentando una mistificazione come nel caso del Tg2 – che lo scorso 24 febbraio ha mostrato le immagini di un videogame di guerra, facendole passare per cronache dal vivo del conflitto in Ucraina – rendono molesta la sensazione di costruzione fittizia che inevitabilmente le sequenze con i dinosauri portano con sé.

Attraverso i quattordici miliardi di anni del nostro pianeta, seguendo una cronologia scientifica improntata alla più accurata veridicità, Voyage of time: il cammino della vita rappresenta un’ipnotica visione in puro stile Malick, antidoto ristoratore al veleno manipolatorio della propaganda contemporanea.

Dettagli

Didascalie immagini

  1. L’umano come elemento costitutivo del cosmo, incompatibile col transumanesimo
  2. Il genere umano è solo un frammento infinitesimale nei secoli di storia del pianeta Terra
  3. Riprese di paesaggi reali e ricostruzioni digitali
    .
    © 2016 Voyage of Time UG – Haftungsbeschränkt

IN COPERTINA

Meduse abbandonate alla corrente, esempio di un benefico abbandono al flusso esistenziale
© 2016 Voyage of Time UG – Haftungsbeschränkt

SCHEDA FILM

  • Titolo originale: Voyage of Time: Life’s journey
  • Scritto e diretto da: Terrence Malick
  • Fotografia: Paul Atkins
  • Montaggio: Rehman Ali, Keith Fraase
  • Produzione: Dede Gardner, Nicolas Gonda, Sarah Green, Grant Hill, Brad Pitt, Bill Pohlad e Sophokles Tasioulis per Imax Entertainment e Sophisticated Films con Imax Documentary Films Capital, Knight of Columbus e Broad Green Pictures
  • Genere: Filosofico / Sperimentale
  • Origine: Francia / Germania / USA, 2016
  • Durata: 90′ minuti