Giunto a Ferrara il 16 ottobre del 1786, Johann Wolfgang Goethe trova una città «bella, grande [ma] piatta e spopolata». L’impatto non è dei migliori: lo indispone quasi subito la visione della tomba di Ariosto, che trova «piena di marmi mal distribuiti», e della Cella del Tasso, «una legnaia o carbonaia, dove certamente egli non è stato rinchiuso». L’unica cosa che lo rallegra nel corso del brevissimo soggiorno è «la geniale trovata d’un pittore, autore di un San Giovanni Battista davanti ad Erode ed Erodiade» nella chiesa di San Benedetto, nel quale due cagnolini, uno sbucato da sotto la veste di Erodiade, abbaiano al profeta mal vestito e seminudo. «M’è sembrata un’ispirazione molto felice», dirà il grande scrittore.

Goethe non conosce l’autore di quel quadro e non sa che 26 anni prima il padre, Johann Caspar, era rimasto colpito dalle opere realizzate dallo stesso pittore nelle chiese di San Cristoforo alla Certosa e di Santa Maria in Vado, al punto da ricordarne la sepoltura posta in quest’ultimo luogo. Il quadro che tanto colpì Goethe junior non esiste più: il bombardamento del 28 gennaio 1944 su San Benedetto se l’è portato via e oggi lo conosciamo attraverso un’incisione di Andrea Bolzoni.


Il pittore era Carlo Bononi (1569? – Ferrara, 3 settembre 1632) grandissimo disegnatore, inquieto sperimentatore e infaticabile viaggiatore un artista di assoluto rilievo nella storia dell’arte del Seicento preaticamente sconosciuto al grande pubblico offuscato dal ricordo della magica stagione rinascimentale degli Este. Dopo la devoluzione allo Stato Pontificio nel 1598 e il trasferimento della corte estense a Modena, la Ferrara di inizio Seicento vive però una fase di intensa vivacità artistica, grazie alla committenza della nuova classe dirigente e ai cantieri promossi e sostenuti dalle diverse
confraternite e ordini religiosi. Così che la presenza in città, nella prima metà del secolo, di artisti come Scarsellino, Federico Zuccari, Ludovico Carracci, Guercino, Giuseppe Caletti sarà determinante per gli inizi del giovane Carlo Bononi.

C’è voluta una lunga – e lenta – operazione di recupero critico per focalizzare la figura di un artista unico, capace di interpretare la tensione religiosa del suo tempo, ma ora  al Palazzo dei Diamanti di Ferrara, è in corso – fino al 7 gennaio 2018 – la prima monografica mai realizzata di un artista paragonato a Tintoretto o a Caravaggio e Guido Reni ne ammirava la «sapienza grande nel disegno e nella forza del colorito» descrivendolo «pittore non ordinario» dal «fare grande e primario». Le tele di Carlo Bononi assumono la connotazione di meraviglie pittoriche create in tempi tragici, di carestie e pestilenze, nell’Italia di inizio Seicento. A servizio, ma non troppo, della Controriforma.

L’esposizione prende avvio da una scommessa di carattere critico relativo alla data di nascita. Girolamo Baruffaldi, fonte di tutta la storia dell’arte ferrarese, nel Settecento sostiene che il pittore sia nato nel 1569. Questa data ha sempre costituito un problema, sia perché Bononi non è
documentato, attraverso atti o opere, mai al di sotto del 1600 circa, sia perché lo storico Marcantonio Guarini nel 1621 lo definisce un «giovane di ottimi costumi, modesto e di molta aspettazione». L’evidente impossibilità di definire “giovane” un 52enne, ha portato di recente ad ipotizzare che l’artista sia nato più tardi di quanto tramandato dal suo biografo, fonte – com’è noto – non sempre affidabile. I curatori hanno così deciso di segnalare le difficoltà create dalla ricostruzione di Baruffaldi ponendo accanto al 1569 un grosso punto interrogativo e, al contempo, suggerendo – sulla base di riflessioni di cui il catalogo dà conto – la posticipazione della nascita di almeno dieci anni. In questo senso sembrano andare anche le infruttuose ricerche negli archivi battesimali ferraresi condotte in occasione della rassegna.


La mostra – organizzata dalla Fondazione Ferrara Arte ed è curata da Giovanni Sassu, conservatore dei Musei d’Arte Antica della città estense, e da Francesca Cappelletti, docente di Storia dell’Arte Moderna dell’Università degli Studi di Ferrara – guida il visitatore alla scoperta della carriera di Bononi in quell’Italia di passaggio tra l’età della Controriforma e la piena maturazione del nuovo linguaggio artistico seicentesco. Con intuizioni ricavate dall’età della Maniera, fu come un precursore di modi e tempi della grande stagione barocca.

Pittore di grandi cicli decorativi sacri e di pale d’altare, il tratto distintivo delle sue opere è la figura intima e quasi malinconica suscitando un forte rapporto emotivo con l’osservatore. In quegli anni profondamente bui, l’uso della luce e la particolare teatralità lo impongono fra i primi pittori barocchi come testimoniano le seducenti decorazioni di Santa Maria in Vado. Fu anche un grande naturalista facendo dialogare il sacro con il quotidiano come mostrano il Miracolo di Soriano o l’Angelo custode dove appare nitida la necessità di calare il racconto religioso nella realtà con santi e madonne concretamente riconoscibili. E’ proprio in questa prospettiva che ha saputo coniugare il nudo maschile con le esigenze rappresentative dell’Italia ancora controriformista all’inizio del diciassettesimo Secolo. I suoi martiri e i suoi santi sono dipinti con perfezione potente e, al contempo, suadente, ma senza alcun gusto voyeuristico.

Oltre ai soggetti religiosi, fu sorprendente interprete di una classe di committenti colti e attenti alle arti, con preferenze spiccatamente musicali, inclini a contenuti figurativi un po’ licenziosi, come provano le varie redazioni del Genio delle arti, capolavori con i quali Bononi dialoga apertamente con Caravaggio e con i suoi seguaci.
Accompagna la mostra un catalogo edito da Fondazione Ferrara Arte in edizione italiana e inglese.

Dettagli

  1. Carlo Bononi: Angelo custode, c. 1625-30 Olio su tela, cm 240 x 141 Ferrara, Pinacoteca Nazionale Su concessione del MiBACT
  2. Carlo Bononi: La Vergine in trono con i santi Maurelio e Giorgio, c. 1604, Olio su tela, cm 163 x 114. Vienna, Kunsthistorisches Museum, Gemäldegalerie
  3. Carlo Bononi: Trinità adorata dai Santi, 1616-17, Ferrara, chiesa di Santa Maria in Vado
  4. Carlo Bononi, San Sebastiano, c. 1622-23 Olio su tela, cm 250 x 160 Reggio Emilia, Cattedrale
  5. Carlo Bononi, Noli me tangere, c. 1608-14. Olio su tela, cm 69 x 91. Collezione privata
  6. Carlo Bononi, San Ludovico scongiura la peste, 1632. Olio su tela, cm 140 x 180. Vienna, Kunsthistorisches Museum, Gemäldegalerie
  7. Carlo Bononi: Genio delle Arti, c. 1620, Olio su tela, cm 120,5 x 101. Collezione Lauro

IN COPERTINA
Un particolare di: Carlo Bononi: Sibilla, c. 1610, Olio su tela, cm 125 x 290. Fondazione Cavallini-Sgarbi

SEZIONI DELLA MOSTRA

  • 1. PROLOGO Il percorso di mostra inizia con un doppio paragone che ha lo scopo di calare immediatamente il visitatore nell’arte di Bononi e in quella del suo tempo: il confronto tra un’opera della maturità del ferrarese, la Pietà, e i dipinti eseguiti da due artisti con cui Carlo instaurerà una dialettica forte e duratura: Ludovico Carracci, evocato dalla Trinità della Pinacoteca Vaticana, e il Guercino, di cui si potrà ammirare il potente San Girolamo. Tra i dipinti più rappresentativi della poetica di Bononi, la Pietà fu realizzata su commissione del drammaturgo e poeta ferrarese Ascanio Pio di Savoia entro il 1624 per la chiesa ferrarese delle Sacre Stimmate. Un’opera empatica e commovente in cui la Vergine in lacrime partecipa al sacrificio di Gesù e chiama chi osserva a prenderne parte con ampi gesti. Lo stesso pathos e partecipazione emotiva si riscontrano nella Trinità di Ludovico Carracci, artista che Bononi prenderà a modello e guarderà con attenzione e ammirazione per tutta la sua carriera e al quale lo legherà la predilezione per l’intensità espressiva e per l’accentuazione naturalistica. La propensione di Bononi verso una pittura naturalistica anticiperà e poi accompagnerà le scelte del Guercino, come ben si evince dal San Girolamo, dove l’elemento paesaggistico, il trattamento delle luci e l’andamento del panneggio mostrano l’influsso che Bononi ha avuto sul più giovane pittore.
  • 2. TRA VENEZIA E BOLOGNA, 1600 CIRCA: GLI ESORDI Le opere che attestano l’esordio di Bononi si collocano attorno al 1602, quando, come testimoniano i documenti, aveva bottega in ambienti facenti parte dell’ex Palazzo Ducale. Appare, sin da subito, come un pittore di talento, capace di elaborare una concreta alternativa alla composta e ordinata pittura di Scarsellino, coniugando la grande tradizione cromatica di Dosso Dossi con la Venezia contemporanea, nella quale il ferrarese sembra muoversi come all’interno di un museo dal quale reperire di volta in volta ispirazione – da Veronese a Tintoretto a Palma il Giovane. Non è estranea l’influenza di Bologna, dove la riforma naturalistica dei Carracci aveva appena mutato le sorti della storia dell’arte: Bononi fu tra i primi a Ferrara a comprendere l’importanza della svolta impressa, in particolare, da Ludovico Carracci, al quale lo legherà la predilezione per l’intensità espressiva e per l’accentuazione naturalistica. Fra le opere presenti in questa sezione, la Madonna col Bambino e i santi Giorgio e Maurelio del Kunsthistorisches Museum di Vienna, prima commissione pubblica del pittore per i Consoli alle Vettovaglie, e la muscolare eppure elegantissima Sibilla della Fondazione Cavallini-Sgarbi, già nell’Oratorio di Santa Maria della Scala, luogo che vide attivi contemporaneamente, tra gli altri, Ludovico Carracci, Bononi, Scarsellino, Federico Zuccari.
  • 3. I PRIMI SUCCESSI Il racconto della mostra prosegue poi con la piena affermazione di Bononi sulla scena emiliana. Committenti sempre più numerosi e prestigiosi richiedono i sui servigi, come il marchese Ippolito Bentivoglio nel 1611, i canonici lateranensi di Cento, dove nel 1613 si misura nella chiesa di Santo Spirito con l’esordiente Guercino. Sono anni di intensa sperimentazione e di grande mobilità per Bononi, attivo in centri come Mantova (1614) e Reggio Emilia (1616). Esemplifica i progressi compiuti dal pittore la commovente e sorprendente Annunciazione di Santa Maria della Neve a Gualtieri, dipinta nel 1611 per i Bentivoglio.
  • 4. TRA NATURALISMO E BAROCCO: «LACRIME DI GIUBILO» IN SANTA MARIA IN VADO Queste esperienze sono le premesse per quello che può essere considerato il suo capolavoro: la grandiosa impresa di Santa Maria in Vado, composta dai magniloquenti teleri dei soffitti della navata e del transetto ma, soprattutto, dall’avvolgente decorazione del catino absidale. La critica si è a lungo interrogata sulla datazione di questo ciclo, collocandola tra il 1617 e il 1621, ma gli studi compiuti in questa occasione dimostrano che essa era già stata conclusa entro l’agosto del 1617. Negli spazi del tempio estense l’artista impiega soluzioni formali di stupefacente modernità, desunte dall’amata Venezia, in particolare da Palma il Giovane, che non sfigurano se confrontate con la cupola di Sant’Andrea della Valle a Roma dipinta da Lanfranco (1625-27), considerata l’atto di fondazione della decorazione barocca. La nostra meraviglia fu la stessa che provò Guercino, il quale, raccontano gli storici, ammirava commosso la meravigliosa bellezza creata da Bononi in questo luogo. Lo sperimentalismo nelle decorazioni di Santa Maria in Vado e della successiva decorazione del Santuario della Beata Vergine della Ghiara a Reggio Emilia (1622) saranno evocate in mostra da una serie di strepitosi disegni preparatori e da una bellissima novità critica: la Giunone di collezione privata, proveniente dai soffitti di una casa ferrarese, secondo alcuni studiosi dallo stesso Palazzo dei Diamanti.
  • 5. TRA NATURALISMO E BAROCCO: IL VIAGGIO A ROMA È dopo aver terminato le decorazioni di Santa Maria in Vado che va collocato il viaggio a Roma, indagato dalla quinta sezione, esperienza gravida di conseguenze per lo sviluppo futuro dell’arte bononiana. Nella Città Eterna Carlo entra in contatto con il naturalismo di Caravaggio e con gli artisti impegnati a sperimentarne i nuovi mezzi espressivi (Orazio Borgianni, Carlo Saraceni, Giovanni Lanfranco e, forse, Simon Vouet): una visione che lo incoraggia a rafforzare l’innata vocazione per la dialettica tra ombre e luci, nonché a esaltare la gestualità drammatica delle proprie figure, come dimostreranno in mostra il San Paterniano che risana la cieca Silvia di Fano e il Genio delle arti. L’esperienza romana si intreccia con committenze profane molto legate al tema della musica, materia che l’artista doveva aver anche praticato vista la familiarità con Antonio Goretti, animatore a Ferrara della scena musicale locale in contatto con personalità del calibro di Monteverdi.
  • 6. L’ETÀ DELL’«ONORATA MODERAZIONE» La sesta sezione della mostra descrive l’attività, intensa e vorticosa, della prima metà degli anni Venti, segnata, come già anticipato, da un’altra fatica di prestigio: la decorazione della cappella Gabbi nel Santuario della Beata Vergine della Ghiara a Reggio Emilia (1622), dove Bononi è chiamato a sostituire Guercino entrando in contatto con un altro artista dal quale resterà influenzato, ovvero l’intenso allievo dei Carracci Alessandro Tiarini. È in questo frangente che Bononi mette a punto una formula espressiva che unisce l’interesse per Correggio con la visione delle opere più classiciste di Guido Reni, come il San Sebastiano di Palazzo Rosso a Genova, coniugando con miracoloso equilibrio la sensualità del nudo con le esigenze votive e rappresentative in voga in quegli anni. Questo nuovo interesse diventa un tratto peculiare dell’arte di Bononi, stimolando la creazione di sorprendenti capolavori come l’Angelo custode (Ferrara, Pinacoteca Nazionale) dalla chiesa di Sant’Andrea o il San Sebastiano della Cattedrale di Reggio Emilia.
  • 7. IL MICROCOSMO DELLA PITTURA Capace di affrontare opere di considerevoli dimensioni in pochissimo tempo, Bononi è anche un lirico cantore di dipinti di formato ridotto o animati da figure di dimensioni contenute. Una sezione della mostra sarà proprio dedicata a questo “dipingere in piccolo”: un percorso diacronico che svelerà ai visitatori un Bononi splendido colorista in ambito sacro (come nella Raccolta della manna di collezione privata, un tempo in Santa Caterina a Ferrara) o creatore di forme profane tanto minute quanto possenti (Enea fugge da Troia in fiamme con Anchise e Ascanio della Collezione Grimaldi Fava).
  • 8. LO SPLENDORE DEL SACRO Dopo il 1625, negli anni della piena maturità, Carlo si mostra capace di dispiegare con sapienza diversi registri espressivi: quello proto barocco, nel quale il sacro si fa epifania e si incarna in invenzioni di straordinaria bellezza (Miracolo di Soriano, Ferrara, chiesa di San Domenico), quello grandioso e monumentale che non disdegna il racconto della vita quotidiana (Apparizione della Madonna di Loreto, Tolosa, Musée des Augustins) e, infine, quello della luce e del colore (Santa Margherita, Reggio Emilia, Museo Diocesano). Il suo nome continua a essere considerato di grande valore al di fuori della sua patria e arrivano così in sequenza nuove commissioni prestigiose, come quella della duchessa di Modena Eleonora d’Este per la pala della cappella di famiglia in San Domenico: la tenebrosa Sacra Famiglia con le sante Barbara e Lucia e Caterina (Modena, Galleria Estense), commissionata nel 1626. In queste opere, Bononi fonde la tradizione cromatica ferrarese con le esperienze luministiche correggesche filtrate però attraverso gli stimoli del contemporaneo Schedoni. La parabola artistica e umana di Carlo si chiude a Ferrara nel 1632, non senza qualche difficoltà non meglio precisata da Baruffaldi, proprio nel momento in cui il pittore aveva trovato un miracoloso equilibrio tra sentimento e religiosità. L’incompiuto e commovente San Luigi di Francia invoca la fine della peste del Kunsthistorisches Museum di Vienna, commissionato dal Maestrato di Ferrara in occasione dell’epidemia del 1630, rappresenta il testamento poetico di questo eccezionale maestro. La sua inquieta personalità e la sua arte rappresentano un patrimonio di dolcezza, suadenza e malinconia che la mostra di Palazzo dei Diamanti si propone di ricollocare nel posto che gli spetta nell’olimpo dei grandi artisti della scuola di Ferrara: al fianco, quindi, dei vari Cosmè Tura, Francesco del Cossa, Ercole de’ Roberti, Garofalo e Dosso Dossi dei quali fu l’ideale continuatore.  

Dove e quando

Evento:

Indirizzo:
[Guarda su Google Maps]

Fino al: 20180107