XIII emendamento

di Andrea Mancaniello // pubblicato il 10 Febbraio, 2017

"La realtà oggettiva è che in pratica nessun bianco capisce cosa può voler dire essere nero in America!"
Newt Gingrich - 50° presidente della Camera dei Rappresentanti USA e candidato repubblicano 2012

13 emendamento netflix 1Le piattaforme digitali rappresentano una valida alternativa che rende disponibili titoli mai distribuiti e prolunga visibilità a film spesso penalizzati da fugaci passaggi in sala, con il finanziamento di opere originali poi si stanno affermando sempre più anche come nuove interessanti realtà produttive.
La cineasta Ava DuVernay nel 2014 ha ottenuto notorietà come prima donna afroamericana candidata a un Golden Globe per la miglior regia con Selma - la strada per la libertà, quando Netflix le ha chiesto di fare un film su qualsiasi argomento a sua scelta è iniziata la genesi di XIII emendamento, adesso tra i cinque candidati in corsa per l’Oscar 2016 al miglior lungometraggio documentario.
Cresciuta a Compton, contea di Los Angeles, dove la polizia è percepita dalla popolazione nera più come minaccia alla propria incolumità che come tutela collettiva, la regista ha realizzato un reportage illuminante sulla scientifica pianificazione di pratiche discriminatorie come le incarcerazioni di massa.
Accendendo i riflettori su complessi carcerari industriali in mano a società private che si arricchiscono con la gestione dei penitenziari, il film denuncia il preoccupante aumento di reclusi negli Stati Uniti - pari al 25% dei detenuti di tutto il mondo a fronte di una popolazione che è il 5% di quella sul pianeta - passata dalle 357.292 unità degli anni '70 ai 2.306.200 del 2014.
13 emendamento netflix 2
Innovativo nel mettere in fila elementi oggettivi in una riflessione strutturata e provocatoria, XIII emendamento traccia una sconcertante rilettura degli ultimi centocinquant’anni di storia americana alla luce di una mai risolta questione razziale, per comprendere le origini della situazione attuale.
L’approvazione del 13° emendamento della Costituzione voluto da Abramo Lincoln nel 1865 sancisce il principio che ogni uomo nasce libero, dichiarando che nessuno può essere ridotto in schiavitù "tranne come punizione per un crimine", ma proprio l’inserimento di questa eccezione nel testo ha creato le condizioni legali per riproporre la segregazione sotto forme efficaci e inedite.
13 emendamento netflix 3
Con il montaggio dinamico e serrato di numerose testimonianze qualificate, il film segue la mutazione della schiavitù abolita sulla carta ma non di fatto. Dopo la fine della guerra civile i neri furono arrestati in massa per 'vagabondaggio' - reato imputabile a chiunque non abbia rendite - e avviati ai lavori forzati, poi leggi federali e statali note come 'Jim Crow' resero legale ogni discriminazione raziale fino al 1964, finché l’affermazione dei movimenti per i diritti civili costrinse il potere alla loro abrogazione e al conio di nuovi espedienti per criminalizzare i neri e alimentare la paura nella maggioranza bianca.
13 emendamento netflix 4
Figure pericolose per il sistema come Martin Luther King o Fred Hampton - leader delle Pantere Nere in Illinois capace a soli ventuno anni di aggregare le persone e coordinare la protesta - furono brutalmente assassinate, chiudendo quella stagione di speranza per l’emancipazione. L’avvento di Richard Nixon inaugurò una lotta alla droga dichiarata priorità nazionale e affrontata come fenomeno criminale anziché sanitario o sociale, con minoranze etniche, neri e ispanici in primis, dipinte come criminali e immolate sull’altare di un effimero sentimento di sicurezza.
Ronald Reagan e Bill Clinton incentivarono, più o meno consapevolmente in cerca di consenso elettorale, il perpetuarsi delle discriminazioni con nuove norme eccessive e pene sproporzionate che hanno alimentato iniquità e affollamento delle carceri.
13 emendamento netflix 5
Tra le molte aberrazioni legislative quella nota come 'Difesa a oltranza' in vigore nello stato della Florida, che giustifica l’uso delle armi delegando alla percezione individuale ogni valutazione del pericolo, ha permesso all’assassino del diciassettenne disarmato Trayvon Martin di essere assolto per legittima difesa.
Tutto ciò ha portato alla luce l’esistenza dell’Alec - American Legislative Exchange Council, un ente privato composto di uomini politici e multinazionali, che da oltre quarant’anni crea leggi utili a incentivare i profitti delle aziende iscritte, senza alcuna legittimità per legiferare.
È il mercato a governare in modo occulto ormai un po' in tutto il mondo, ma negli Stati Uniti questo potere parallelo è più platealmente evidente nell’Alec.
13 emendamento netflix 6
In un sistema giudiziario come quello statunitense, che da sempre fa largo uso della pratica che prevede l’uscita su cauzione, va a finire che restano dietro le sbarre soltanto i poveri che non hanno la possibilità di pagare; per cui alla fine è il denaro e non la colpevolezza a rappresentare la discriminante sulla decisione di chi sta dentro e chi fuori.
In un quadro generale di questo tipo non stupisce se il 97% dei detenuti non ha mai avuto regolare processo, gli imputati patteggiano una pena di due o tre anni per non arrivare in tribunale dove ne possono rischiare anche trenta; in molti hanno confessato per questo motivo crimini mai commessi.
13 emendamento netflix 7
Questo indurre i detenuti a confermare le accuse anche in caso di innocenza rappresenterebbe una grave violazione dei diritti umani in qualsiasi luogo, ancor più in un Paese che ama erigersi a modello e definirsi Terra della Libertà. Un’eventuale vittoria agli Oscar potrebbe dare maggior diffusione a un’opera importante come XIII emendamento, tenace nel denunciare le aberrazioni del Sistema.

 

Dettagli

Didascalie immagini

  1. Locandina originale
  2. Il sovraffollamento nelle carceri gestite da private SpA
  3. Ragazzini neri ai lavori forzati / Nascita di una nazione (1915) di David W. Griffith contribuì a creare lo stereotipo del negro violentatore e mitizzò le imprese del Ku Klux Klan / Linciaggio di massa
  4. Gli effetti delle leggi Jim Crow: autobus divisi in zone separate per i bianchi e per i neri / Carismatici e pericolosi: Fred Hampton e il reverendo Martin Luther King
  5. Richard Nixon, J. Edgar Hoover, Bill Clinton, Nancy e Ronald Reagan: complici nel perpetuare segregazione razziale e supremazia bianca
  6. Il diciassettenne Trayvon Martin ucciso in Florida per un sospetto / Kalief Browder innocente, perseguitato per non aver accettato patteggiamenti, dopo tre anni di carcere e pestaggi è morto suicida a 22 anni
  7. Uomini politici e di Legge, giornalisti e attivisti, storici e gente comune, uniti in un coro unanime a denunciare il razzismo mai scomparso
    .
    (© 2016 Netflix Studios LLC)

In copertina:
Una ri-umanizzazione, unico antidoto alla criminalizzazione del popolo nero d’America. (© 2016 Netflix Studios LLC)

SCHEDA FILM

  • Titolo originale: 13 th
  • Regia: Ava DuVernay
  • Con: Melina Abdullah, Michelle Alexander, Cory Booker, Dolores Canales, Gina Clayton, Jelani Cobb, Malkia Cyril, Angela Davis, Craig DeRoche, David Dinkins, Baz Dreisinger, Kevin Gannon, Henry Louis Gates Jr, Marie Gottschalk, Lisa Graves, Cory Greene, John Hagan, Michael Hough, Van Jones, David Keene, James Kilgore, Glenn E. Martin, Marc Mauer, Khalil G. Muhammad, Pat Nolan, Grover Norquist, Dorsey Nunn, Liza Jessie Peterson, Charles B. Rangel, Kyung-Ji Kate Rhee, Shaka Senghor, Bob Sloan, Deborah Small, Bryan Stevenson, Ken Thompson, Nicholas Turner, Daniel Wagner
  • Sceneggiatura: Ava DuVernay, Spencer Averick
  • Fotografia: Hans Charles, Kira Kelly
  • Musica: Jason Moran
  • Montaggio: Spencer Averick in co-produzione con Tilane Jones
  • Produzione: Ava DuVernay e Howard Barish con Spencer Averick in associazione con Tilane Jones, Michael Nell e Mercedes Yolanda Cooper per Forward Movement e Kandoo Films Production Netflix
  • Genere: Documentario
  • Origine: USA, 2016
  • Durata: 100’ minuti