Vita condivisa

di Amici in Visita // pubblicato il 04 Giugno, 2012

- di Fabio Giuliani - 

Una bella mostra che non è solo una sfilata di capolavori – ben 60, lungo otto secoli dal Trecento ai giorni nostri – ma l’espressione di una somma di valori universali e significati che attraverso queste opere emergono parlandoci dell’esigenza profonda dell’uomo di condivisione quotidiana della vita.
Legata al VII Incontro Mondiale delle Famiglie concluso ieri a Milano, riflette sul tema del capolavoro assoluto Giacomo Ceruti (Milano, 1698 – 1767 ), Lavandaia, 1720-25 ca.,di Giacomo Ceruti ‘La Lavandaia’ dalla Pinacoteca Tosio Martineng di Brescia: “un epopea degli umili, mostrati con la dignità dei grandi personaggi” (Giovanni Testori); recita la didascalia che l’accompagna: “E’ persona vera e tenace, appoggiata al bordo del lavatoio ci guarda diretta e intensa dalla faticosa sua quotidianità. Il pittore la ritrae solenne e monumentale, ne valorizza l’umanità prima di ogni categoria sociale e le conferisce una dimensione etica, di storia esemplare.”
Vita condivisa 1
In questa sezione vediamo tele di Morbelli, Longoni, la ‘Nonna’ di Gerolamo Induno; e chi di noi non si commuove davanti a questa figura capitale della casa? Per illustrare il tema fondamentale vediamo in primis la ‘Sacra Famiglia’ del Moretto e, in seguito, stupende ‘Maternità’, fra cui una scultura di Medardo Rosso e una di Eugenio Pellini, tele di Severini, Lega, Sironi, Carrà, Schifano.
A questa linea guida si aggiunge quella che rappresenta la famiglia nelle attività sociali del territorio lombardo con il fine di farsi famiglia per coloro che si trovano in situazioni di difficoltà.
Vita condivisa 3
Il luogo ospitante è emblematico: il Refettorio delle Stelline, le orfanelle che un tempo vivevano in questa struttura magnificamente riportata in vita dal Credito Valtellinese come galleria personale, e qui offerta per l’occasione. Il percorso espositivo che si apre con le due monumentali tele ‘Il cortile dell’Ospedale Maggiore’ e ‘San Carlo presenta le stelline alla Sacra Famiglia’ si chiude con il bozzetto di Giò Ponti del gonfalone dell’Ospedale Maggiore (1934) da realizzare a ricamo, come egli afferma, “lungo lavoro di devote mani che darà all’opera un valore morale”, concludendo che la vita condivisa è proprio questo: un complesso faticoso e paziente lavoro che intreccia la realtà di ciascuno con quella degli altri affinchè la vita si dipani con armoniosa bellezza.
Vita condivisa 4
La mostra, frutto originale del CREA (Centro di ricerca per l’educazione attraverso l’arte e la mediazione del patrimonio culturale sul territorio e nei musei), dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, curata da Cecilia De Carli, Laura Polo D’Ambrosio e Grazia Massone, è accompagnata da un esaustivo catalogo di Silvana Editoriale con 239 illustrazione a colori e prefazione del Card. Angelo Scola, Arcivescovo di Milano, che termina con questa constatazione: “L’arte, quando si offre come accesso alla verità, va oltre il tempo e produce una testimonianza che, come suggerisce Bernard Lonegan, è più vera dell’esperienza, più scarna, più efficace, più pertinente.”
Vita condivisa 5

 

Dettagli

Didascalie immagini

  1. Giacomo Ceruti (Milano, 1698 – 1767 ), Lavandaia, 1720-25 ca.,
    olio su tela, 140,5x155,5 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo
  2. Pietro Lorenzetti (Siena, 1280 ca. - 1348) Madonna con il Bambino tra le Sante Agnese e Caterina d’Alessandria e sei Angeli, 1342 ca.,
    tempera e oro su tavola, 55x26,2 cm, Milano, Museo Poldi Pezzoli
  3. Angelo Morbelli (Alessandria, 1853 – Milano, 1919), Scia chi fastidi o Il bottone, 1907,
    Carboncino e gessetto bianco su carta, 103,8x88,8cm, Casale Monferrato, Museo civico e Gipsoteca Bistolfi
  4. Medardo Rosso (Torino, 1858 – Milano, 1928), Bambino al seno, 1910-14,
    bronzo, 50x45x (20 profondità) cm, Barzio (LC), Museo Medardo Rosso
  5. Armando Spadini (Firenze, 1883- Roma, 1925), Bambini che studiano, 1918,
    olio su tela, 87x101 cm, Roma, Banca d'Italia

In copertina:
Un particolare di: Mario Sironi(Sassari, 1885 – Milano, 1961), La famiglia del pastore, 1929,
lio su tela, 167x210 cm, Collezione Gian Ferrari FAI
( © Alberto Bortoluzz)

Mappa

Dove e quando

LA VITA CONDIVISA. I gesti della famiglia nelle immagini dell'arte

  • Fino al: - 01 Luglio, 2012
  • Indirizzo: Galleria del Gruppo Credito Valtellinese – Refettorio delle Stelline; Corso Magenta 59, Milano

Salva l'evento nel calendario (formato iCal)