Le tre vie della pittura

di Eleonora Giorni // pubblicato il 01 Novembre, 2012

L’arte è l’unica attività umana che si possa dire totalizzante: l’arte può esprimere tutto, può ingoiare tutto, può rappresentare tutto. Ecco il senso di queste riflessioni dedicate alle potenzialità dell’arte, ai tre assi portanti del ‘pensiero in figura’ occidentale.” (Flavio Caroli)

Le tre vie della pitturaAd otto anni dalla prima edizione, Electa torna in libreria con Le tre vie della pittura di Flavio Caroli. Ordinario di Storia dell'Arte moderna al Politecnico di Milano. Storico dell’arte moderna e contemporanea, ha dedicato i suoi studi alla linea introspettiva dell'arteoccidentale, con molte pubblicazioni. In questa, suddivisa in tre saggi, riflette sui temi portanti dell’arte occidentale e la narrazione attraversa i secoli, da Van Eyck alla pittura minimalista e al cinema contemporaneo.

Nel primo saggio accompagna il lettore nel lungo viaggio dell’occhio umano nel visibile, illustrando come la luce abbia contribuito alla diversa evoluzione della pittura negli artisti italiani e in quelli fiamminghi. La luce, dunque, come “forma simbolica” del mondo occidentale.

Nel secondo, il viaggio è nell'affascinante interiorità dell’uomo e nella sua consapevolezza di sé; una consapevolezza man mano tradotta in pittura introspettiva, in cui l’occhio dell’artista scruta nelle fattezze umane le passioni e i moti interiori.

Infine, la pittura come socialità, narrazione ed espressione del mondo inteso come “scena sociale”, in un’epoca - il Settecento - in cui l’attenzione dell’artista si rivolge proprio all’affascinante intreccio delle relazioni umane.

 

 

Dettagli

Didascalie immagini

In copertina:
Le tre vie della pittura

Flavio Caroli
Le tre vie della pittura
Pagg. 112
Electa