A Pechino: “Gloria di Luce e Colore. Quattro secoli di pittura a Venezia”

di Federica Falleri // pubblicato il 27 Aprile, 2016

Il Progetto ”Spazio Italia” in Piazza Tienanmen a Pechino si colloca nell’ambito del Memorandum d'Intesa sul Partenariato per la Promozione del Patrimonio Culturale tra il Ministero per i Beni e le Attività Culturali della Repubblica italiana e l’Amministrazione Statale per il Patrimonio Culturale della Repubblica Popolare cinese.
Gloria di luce e colore7
Un accordo che prevede un forte impulso alla collaborazione tra musei italiani e cinesi, in particolare, l’Accordo impegna i due stati alla realizzazione, in regime di reciprocità, di uno spazio museale esclusivo per la promozione della cultura cinese in Italia e della cultura italiana in Cina. I musei scelti sono il Museo Nazionale di Palazzo Venezia a Roma e il 中國国家博物館 (Museo Nazionale della Cina) di Piazza Tienanmen a Pechino che ha un eccellente sito anche in italiano.
Gloria di luce e colore71
Il concetto generale del progetto mira a presentare un "palcoscenico" delle evidenze, contesti, opere d'arte e artisti dei principali movimenti artistici che hanno caratterizzato la cultura attraverso la creazione di una sequenza di progetti espositivi.
Gloria di luce e colore72
Dopo le mostre “Rinascimento a Firenze. Capolavori e Protagonisti” (6 luglio 2012 - 30 aprile 2013) e “Roma ed il Barocco" (aprile 2013-marzo 2015), sempre a Pechino si è aperta lo scorso 24 marzo, proseguendo fino al 20 ottobre, “Gloria di Luce e Colore. Quattro secoli di pittura a Venezia” realizzata in collaborazione con la Fondazione Musei Civici di Venezia.
Gloria di luce e colore77
Con la cura scientifica di Andrea Bellieni, direttore del Museo Correr, l'esposizione propone al pubblico una panoramica sulla produzione pittorica veneziana dal XV al XVIII secolo scegliendo opere significative provenienti dai maggiori musei italiani, in totale 77 tra le quali dipinti e sculture.

 

Dettagli

Didascalie immagini

  1. Gentile Bellini (Venezia, 1432 circa - 1507) Ritratto del doge Giovanni Mocenigo, 1479 circa Tempera su tavola
    Venezia, Museo Correr, inv. Cl. I n. 16
  2. Antonio Canal, detto Canaletto (Venezia, 1697-1768 Venezia, veduta di piazza San Marco con le Procuratie, 1733-1735 Olio su tela
    Roma, Galleria Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Barberini, inv. 1005 (F.N. 303)
  3. Antonio Canal, detto Canaletto (Venezia, 1697-1768) Il Canal Grande da palazzo Balbi verso Rialto, 1735 Olio su tela
    Roma, Galleria Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Barberini, inv. 1033 (F.N. 304)
  4. Francesco Guardi (Venezia, 1712-1793) Venezia, la chiesa di San Giorgio vista dal canale della Giudecca, 1775 circa Olio su tela
    Roma, Galleria Nazionale d'Arte Antica di Palazzo Barberini, inv. 2483 (F.N. N/T)

In copertina:
Giambattista Tiepolo (Venezia, 1696 - Madrid, 1770) Nettuno offre doni a Venezia, 1756-1758 Olio su tela
Venezia, Palazzo Ducale [particolare]

Mappa

Dove e quando